Spagna, il lungo giorno di Mariano Rajoy

(Teleborsa) – La situazione politica traballa non solo in Italia, ma anche in Spagna, con la sorte del Governo attuale che resta appesa a un filo.

Si apre a Madrid, infatti, il dibattito sulla mozione di sfiducia presentata contro il premier Rajoy dal leader socialista Pedro Sanchez, dopo la sentenza Gurtelche ha condannato per corruzione il Partito Popolare spagnolo. Il Tribunale supremo ha condannato l’ex tesoriere Luis Barcenas a 33 anni di carcere per corruzione, con il Partito costretto ad un risarcimento pari a 240 mila euro perché ritenuto “partecipante a titolo lucrativo”.

La presidenza del Congresso dei deputati ha fissato a domani, venerdì 1° giugno, il voto sulla mozione di sfiducia presentata dal PSOE. L’esito del voto finale è incerto e potrebbe dipendere da come si orienteranno i 5 deputati del partito nazionalista basco PNV.

Se la mozione di sfiducia otterrà l’appoggio di 176 deputati su 350, Rajoy cadrà e sarà sostituito automaticamente alla Moncloa da Sanchez.

Spagna, il lungo giorno di Mariano Rajoy