S&P taglia le stime di crescita per l’Italia, PIL +0,9% nel 2016

(Teleborsa) – L’agenzia di rating S&P ha rivisto al ribasso la stima sulla crescita del Prodotto Interno Lordo italiano, nel giorno in cui il Governo Renzi ha limato le aspettative di crescita.

L’agenzia americana prevede ora un PIL in aumento dello 0,9% quest’anno rispetto al +1,1% stimato in precedenza e a fronte del +0,8% annunciato oggi dall’Esecutivo italiano. Restano invariate le previsioni sul PIL del 2017 e del 2018, rispettivamente al +0,8% e al +0,9% stimati precedentemente. 

La Brexit non porterà recessione, ma peserà per anni sulla crescita della Gran Bretagna e dell’Eurozona. Standard and Poor’s ha aggiornato la propria analisi sugli effetti economici nel Regno Unito e nella Zona Euro del voto sulla Brexit, sottolineando come i rischi di recessione siano stati evitati, ma rimane comunque la prospettiva di una bassa crescita.

L’agenzia stima che la Brexit ridurrà la crescita del PIL di 2,1 punti percentuali entro la fine del 2018, mentre la svalutazione della sterlina avrà un impatto positivo sull’export, anche se frenerà il potere d’acquisto e i consumi. Per l’Eurozona, stima una riduzione della crescita del PIL in 0,7 punti nel 2017-2018.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

S&P taglia le stime di crescita per l’Italia, PIL +0,9% nel ...