S&P fa strage di rating. Salva solo la Russia ma solo per ora

(Teleborsa) – E’ stata un’incursione cruenta, quella fatta ieri da Standard & Poor’s su alcuni Paesi.

L’agenzia statunitense ha tagliato il rating di Arabia Saudita, Oman, Bahrein, Kazakistan e Brasile, salvando solo la Russia.

Si tratta del secondo massiccio intervento in quasi un anno sui produttori di petrolio, sempre più in crisi a causa del crollo delle quotazioni dell’oro nero.

Nel dettaglio, il rating dell’Arabia Saudita è stato portato da “A+” ad “A-” con outlook stabile.

Quello del Barhein passa a “BB” da “BBB-“, due gradini sotto l’investment grade a ad un solo notch dallo status di “spazzatura”.

Il rating del Kazakistan scende da “BBB” a “BBB-“, quello dell’Oman a “BBB-” da “BBB+”.

S&P ha motivato tale incursione con il costante crollo delle quotazioni petrolifere, crollo che sta impattando molto negativamente su finanze ed economia dei produttori.

Separatamente l’agenzia ha tagliato il rating del Brasile a “BB” con outlook negativo a causa delle sfide politiche e fiscali che il Paese, nel mezzo della peggior recessione degli ultimi cento anni, si trova ad affrontare.

Solo la Russia si salva dalla scure di Standard & Poors: il rating del Paese è stato confermato a “BB+”, anche se con outlook negativo, in quanto l’agenzia si aspetta “soltanto un ulteriore peggioramento modesto degli indicatori economici e fiscali” di Mosca per il 2016-19.

Tuttavia le prospettive per la nazione restano poco incoraggianti a causa del fatto che i “cuscinetti fiscali potrebbero deteriorarsi più velocemente di quanto atteso”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

S&P fa strage di rating. Salva solo la Russia ma solo per ora