Sondaggio Trenitalia, convogli Notte Business con tutti i confort nel nostro Paese?

(Teleborsa) – Novità inaspettata è il sondaggio lanciato in queste ore da Trenitalia tra i possessori di CartaFreccia per valutare la possibilità dell’istituzione di “Treni Notte di qualità Business”. Un questionario diffuso agli indirizzi di posta elettronica dei cosiddetti clienti “fidelizzati” intende esplorare appunto fino al 2 aprile l’interesse a questo tipo di servizio di quanti si muovono da una parte all’altra dell’Italia per affari e per lavoro sfruttando le ore notturne, potendo così fare a meno dell’albergo. Viaggi in cabine letto spaziose con servizi privati, doccia compresa, frigo bar, nonché magari con vettura ristorante in composizione al convoglio per cena e prima colazione, oltre all’accurata e “premurosa assistenza” di personale addetto al servizio.

Il sondaggio rappresenta più che una sorpresa, proprio nell’epoca del triodo dei viaggi ferroviari ad Alta Velocità che permettono, almeno per quanto riguarda le direttrici principali, anche lunghe “trasferte” in poche ore con la possibilità, per chi non deve prolungare il soggiorno, del rientro in tempo a casa per trascorrere la notte. Considerando oltretutto la tendenza generale, soprattutto già consolidata in gran parte dell’Europa, verso la definitiva soppressione dei servizi ferroviari notturni, vista anche l’agguerrita concorrenza dei collegamenti aerei a basso costo.

Iniziative oltretutto “sposate” ad esempio da austriaci e russi, rispettivamente col nuovo treno notturno ÖBB Nightjet che invita a “viaggiare dormendo” da Roma, Firenze, Bologna, Milano, Brescia, Verona, Venezia e tante altre città verso Monaco di Baviera, Vienna e Salisburgo sostituendo in parte le DB tedesche che non hanno creduto più a tale tipo di servizio, e che porta comodamente di notte dall‘Italia verso l’Austria e la Germania; o appunto i russi con il collegamento Trans Europeo da Mosca a Nizza, in Francia, attraverso l’Italia del Nord. 

Un viaggio, questo, lungo 3.318 chilometri attraverso 9 paesi dell’Europa ferroviaria, non un treno come gli altri, ma un treno di lusso delle ferrovie russe RZD. Treno che circola con successo dal 2010composto abitualmente da circa 10 vagoni, tra cui 2 carrozze ristorante, una carrozza letti di 2°classe, cinque carrozze letti di 1°classe e due carrozze letti di lusso. Ciascuna vettura con letti dispone di un bar ed é accudita dal personale delle ferrovie russe.

Una cancellazione dei convogli notturni e dei leggendarii Wagon Lits, nonostante il crescente se pur parziale successo dei treni di prestigio, che sembrava ormai molto vicina anche in Italia, se non fosse stato per il contratto di servizio decennale 2017-2026 sottoscritto dal vertice del Gruppo FS d’intesa con i Ministri Infrastrutture e Trasporti e dell’Economia. Un contributo essenziale per tenere in vita e “rivitalizzare” quei treni come gli Intercity, sia “Day che Night”, che assicurano in ogni caso un essenziale servizio per il Paese senza essere soggetti a quelle severe leggi di mercato che riguardano invece le Frecce e l’intero settore dell’Alta Velocità, sempre più aperto alla concorrenza.

Naturalmente, gli eventuali nuovi Treni Notte italiani di categoria Business non rientrerebbero nella convenzione e non sarebbero affatto favoriti da contributi e sovvenzioni dello Stato. Non resta a questo punto che attendere in primo luogo i risultati del sondaggio.

Chissà se il fascino di un “Orient Express” in chiave moderna quanto a confort, tecnologia e accurata assistenza alla persona riuscirà a far breccia tra quella clientela di prestigio che, conti alla mano e attratta dalla comodità, si convinca della convenienza di questa proposta di “viaggio pernottamento incluso e magari comprensivo di prima colazione”.

Sondaggio Trenitalia, convogli Notte Business con tutti i confort nel ...