Sky Italia, 200 esuberi e 300 trasferimenti

(Teleborsa) – 200 esuberi e 300 trasferimenti. E’ quanto prevede il piano di riorganizzazione di Sky Italia. Lo dicono CGIL, CISL e UIL che hanno ricevuto dall’azienda il piano. “La sede maggiormente impattata è Roma” spiegano i sindacati con “il coinvolgimento per esubero o trasferimento del 70% della forza lavoro attualmente impiegata (tra impiegati, tecnici, giornalisti)”. Solo su Roma sono già in conto circa 120 esuberi e 300 trasferimenti.

A Milano e nelle sedi periferiche previsto un esubero complessivo di circa 80 lavoratori. A Cagliari previsto il trasferimento a Milano per circa 10 lavoratori. 

Sky Italia da parte sua presentando il piano ha parlato di “un’azienda ancora più innovativa ed efficiente, capace di reagire con tempestività in un contesto industriale e tecnologico in rapida evoluzione sostenendo la crescita tra i propri dipendenti di nuove indispensabili competenze. Il tutto nel complicato mercato italiano, caratterizzato da criticità economiche e rigidità normative che ancora oggi non facilitano investimenti per programmare il proprio sviluppo futuro”. Sky Italia punta allo sviluppo di “un polo tecnologico all’avanguardia a livello internazionale. Dal 2003 ad oggi Sky ha investito in Italia circa 20 miliardi di euro in contenuti e tecnologie, generando oltre 32 miliardi di euro di impatto positivo sull’economia italiana. Per essere ancora più innovativi è fondamentale continuare a investire in nuove infrastrutture più efficienti che massimizzino il valore delle risorse già impegnate e di quelle previste per il futuro”, conclude l’azienda.

Sky Italia, 200 esuberi e 300 trasferimenti