Sindacati a Reggio Calabria per il Sud: “Il governo ascolti la piazza e chi la rappresenta”

(Teleborsa) – In 25mila al corteo, aperto da uno striscione con la scritta “#futuroalLavoro”. Le tre principali sigle sindacali si sono date appuntamento nella città costiera della Calabria per chiedere maggiori investimenti per il Sud.

A guidare la manifestazione “Ripartiamo dal Sud per unire il Paese” organizzata da Cgil, Cisl e Uil sono i segretari generali Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. “Una mobilitazione nazionale unitaria – hanno sostenuto i sindacati – per rivendicare dal Mezzogiorno la centralità del lavoro come leva per eliminare le profonde disuguaglianze sociali, economiche e territoriali che esistono in Italia”.

Landini: “Basta con le logiche dell’autonomia differenziata”
“È sotto gli occhi di tutti la contraddizione di chi ha raccontato che saremmo un Paese invaso e che i problemi si risolvono chiudendo i porti, senza rendersi conto però che i giovani, soprattutto del Mezzogiorno, se ne stanno andando”, ha detto Landini. “Purtroppo – aggiunge il sindacalista in merito alla fuga dei cervelli – questo è un modo per disperdere intelligenze e capacità a beneficio di altri Paesi più furbi che ne beneficiano”.
C’è un arretramento di tutto il Paese rispetto all’Europa e non solo. Per noi l’Italia va unita e non divisa. Basta con le logiche dell’autonomia differenziata, che aumentano ancora di più le disuguaglianze. C’è bisogno di fare investimenti sia in infrastrutture materiali ma anche in quelle sociali e serve una politica industriale. Il governo ascolti la piazza e chi la rappresenta”, conclude il leader della Cgil.

Barbagallo: “Fare qualcosa, anche Regioni colpevoli”
“Noi stiamo cercando di impedire che i provvedimenti che il Parlamento approva su proposta del Governo producano ulteriori danni al Paese. Ogni volta poi si lamentano che non riusciamo a modificare gli errori che fanno”, afferma il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo. “Il Sud – aggiunge – è rimasto lettera morta per molti anni. Bisogna fare qualcosa. Le Regioni che non utilizzano i Fondi europei e di coesione sociale sono colpevoli e andrebbero commissariate“.

Furlan: “Manifestazione imponente, esecutivo non può ignorarla”
“È necessario intervenire in favore del Sud affinché si ponga fine a quello che sta sempre più diventando un gravissimo problema sociale: i cosiddetti viaggi della speranza nel settore della sanità” – afferma la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan – che attacca: “La flat tax è iniqua e penalizza il Sud”. E ancora: “Per le morti sul lavoro il governo fa cassa con il decreto crescita, diminuendo i contributi Inail che servono per la sicurezza, la prevenzione e il risarcimento degli infortuni”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sindacati a Reggio Calabria per il Sud: “Il governo ascolti la p...