SIMEST (CDP): finanziate 340 imprese nel primo semestre

(Teleborsa) – Una risposta concreta e efficace quella messa in campo da SIMEST nei mesi critici dell’emergenza per sostenere la crescita internazionale delle aziende italiane, soprattutto PMI. La società che con SACE costituisce il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, nel primo semestre, ha contrattualizzato 440 operazioni di finanziamento agevolato in favore di circa 340 imprese. Sono stati stanziati circa 140 milioni di euro, con un incremento del 15% rispetto al primo semestre 2019. Nello stesso periodo, le operazioni deliberate sono state 500 per 160 milioni di euro.

A contribuire alla crescita – riporta la nota ufficiale – l’avvio dell’operatività nei mesi di maggio e giugno di alcune delle novità introdotte dal Decreto Rilancio, che hanno fortemente rafforzato la convenienza dello strumento che SIMEST gestisce per conto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale: l’esenzione fino a fine anno dalla prestazione di garanzie e la possibilità di accedere ad una quota a fondo perduto fino al 40% dell’importo totale.

L’aspettativa per i prossimi mesi è di incrementi ancora maggiori, in vista degli ulteriori benefici per le imprese che saranno attivati entro l’estate: il già operativo (da luglio) aumento dei massimali di finanziamento, l’estensione dell’operatività anche agli investimenti realizzati all’interno della UE e l’aumento al 50% della quota a fondo perduto.

Delle aziende beneficiarie nel primo semestre degli strumenti agevolati per l’internazionalizzazione erogati da SIMEST: 90 sono lombarde (28,8 milioni di euro); 84 venete (28,2 milioni di euro); 63 laziali (26,8 milioni di euro); 54 campane (11,0 milioni di euro); 28 abruzzesi (9,4 milioni di euro); 26 piemontesi (6,1 milioni di euro); 24 toscane (6,6 milioni di euro); 22 marchigiane (4,4 milioni di euro); 18 dell’Emilia Romagna (7,5 milioni di euro); 11 pugliesi (3,6 milioni di euro); 6 siciliane (1,2 milioni di euro); 5 del Trentino – Alto Adige (3,6 milioni di euro); 3 liguri (1,2 milioni di euro); 2 sarde (0,2 milioni di euro); 2 calabresi (0,4 milioni di euro); 2 friulane (0,7 milioni di euro) e 1 molisana (0,3 milioni di euro).

45 i Paesi target dei progetti di espansione sui mercati esteri: Albania, Algeria, Argentina, Australia, Azerbaigian, Brasile, Canada, Cile, Cina, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Repubblica Domenicana, Emirati Arabi, Georgia, Giappone, India, Indonesia, Iran, Kosovo, Macedonia, Marocco, Messico, Moldavia, Montenegro, Oman, Pakistan, Panama, Paraguay, Perù, Qatar, Russia, Senegal, Serbia, Singapore, Stati Uniti, Sudafrica, Svizzera, Tanzania, Tailandia, Tunisia, Turchia, Ucraina, Vietnam, Zambia.

Per quanto riguarda, infine, la tipologia di finanziamento richiesto, lo strumento più gettonato (177 operazioni contrattualizzate) è stato il finanziamento “Fiere, Mostre e Missioni di Sistema”, grazie al quale le imprese possono coprire tutte le spese relative alla partecipazione a questo tipo di eventi e far conoscere il proprio marchio e i propri prodotti nel mondo. .

Contrattualizzate 10 operazioni per “Studi di fattibilità”, che permettono all’azienda di coprire i costi relativi alle valutazioni sull’opportunità di realizzare investimenti commerciali o produttivi e alla formazione del personale dedicato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

SIMEST (CDP): finanziate 340 imprese nel primo semestre