Siemens Energy annuncia tagli alla forza lavoro: 7.800 entro il 2025

(Teleborsa) – Siemens Energy, divisione energia dell’azienda tedesca, ha annunciato che taglierà 7.800 posti di lavoro nelle sue sedi di tutto il mondo entro il 2025, in particolare in Germania dove il taglio riguarderà 3mila dipendenti. Il gruppo ha spiegato la decisione con la riduzione della domanda rispetto alla capacità produttiva e con aggiustamenti del portafoglio.

Per la gran parte il ridimensionamento dell’organico avverrà entro il 2023 e riguarderà l’8,5% della sua forza lavoro con l’obiettivo di aumentare i margini e la competitività. “Il mercato dell’energia sta cambiando significativamente e questo ci offre delle opportunità ma allo stesso tempo ci presenta delle grandi sfide – ha detto il Ceo Christian Bruch – Siamo consapevoli che i nostri piani richiedono un grande sforzo da parte della forza lavoro. Pertanto, il nostro obiettivo è implementare queste misure nel modo più socialmente accettabile possibile”.

Nello scorso anno fiscale Siemens Energy ha registrato un miliardo di perdite. In base a quanto annunciato dall’azienda non verrà chiusa nessuna sede ma il quartier generale verrà spostato da Monaco a Berlino. Solo pochi giorni fa Siemens Energy aveva siglato un accordo con i sindacati per riorganizzare la società senza ricorrere alla cassa integrazione o licenziamenti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Siemens Energy annuncia tagli alla forza lavoro: 7.800 entro il 2025