Si apre anche da Bari la via della seta digitale

(Teleborsa) – Retelit avvia la fase di commercializzazione del cavo sottomarino AAE-1, il sistema in fibra ottica che collega l’Europa all’Asia. L’approdo italiano passerà per Bari, uno dei più importanti hub digitali strategici del Mediterraneo.

I 25.000 chilometri di infrastruttura sottomarina, che si estendono da Marsiglia e Bari al Far East attraverso 19 Paesi, conta alla data odierna 19 “terminal station” internazionali connessi sui 21 totali (20 landing point e un’estensione terrestre, Singapore). La posa è stata completata fino al Vietnam, ma il PoP di Hong Kong verrà connesso dopo l’estate.

L’AAE-1 fornirà a Carrier e OTT internazionali collegamenti ad alta velocità (40 Terabit al secondo e una tecnologia a 100 Gbps) e bassa latenza, con percorsi alternativi rispetto a quelli esistenti. Sarà possibile soddisfare la crescente richiesta di dati, connettività e trasporto proveniente da Asia, Medio Oriente e Paesi dei Golfo, culla di alcuni tra i più importanti mercati emergenti (Myanmar, Pakistan, Thailandia, Vietnam, Cambogia e Yemen).

“La sfida che ci aspetta adesso – ha commentato Federico Protto, AD e Direttore Generale di Retelit – dopo aver rispettato tempi e investimenti, è quella di portare la maggior parte del traffico in Italia, facendola diventare il principale punto di snodo dei flussi di traffico provenienti da Asia e Middle East.”

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Si apre anche da Bari la via della seta digitale