Shire al centro di un braccio di ferro anglo-giapponese

(Teleborsa) – Clima altalenante per Shire, il colosso farmaceutico con sede a Dublino. A contendersi l’acquisizione due multinazionali del campo farmaceutico, la giapponese Takeda e gli irlandesi di Allergan.

Nei giorni precedenti, il consiglio d’amministrazione di Shire ha respinto una prima offerta di 61 miliardi da Takeda, dicendosi però disposta a negoziare ulteriormente.

Era attesa per oggi una prima offerta da parte di Allergan, che non è stata per ora formulata, ma potrebbe arrivare a 66 miliardi. D’altronde, la scadenza massima per presentare un’offerta concorrente è il 17 maggio 2018.

L’incertezza si ripercuote oggi sull’andamento del titolo. A Londra Shire perde il 4,51%, mentre Allergan ha chiuso eri al NYSE con un calo del 4,23%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Shire al centro di un braccio di ferro anglo-giapponese