Shell, van Beurden (CEO): attività in Nigeria non compatibili con nostra strategia green

(Teleborsa) – Le questioni ambientali e la strategia green dell’azienda sono state al centro dell’assemblea degli azionisti di Shell, multinazionale anglo-olandese operante nel settore petrolifero. Da un lato i soci hanno mostrato un crescente supporto per la mozione di un azionista attivista che chiedeva più impegno sulla decarbonizzazione, dall’altro l’amministratore delegato ha comunicato crescenti difficoltà a far coesistere progetti storici della società con la sua strategia per il futuro.

La società anglo-olandese ha gradualmente venduto le attività onshore in Nigeria per oltre un decennio, dati i problemi che ha avuto sul fronte dell’inquinamento e nei rapporti con le comunità locali. Ora la dismissione di certe attività potrebbe accelerare ulteriormente. “L’equilibrio tra rischi e benefici associati al nostro portafoglio onshore non è più compatibile con le nostre ambizioni strategiche – ha infatti detto agli investitori l’amministratore delegato Ben van Beurden durante l’assemblea – Non possiamo risolvere i problemi della comunità nel Delta del Niger”. La società ha avviato discussioni con il governo locale su come andare avanti, ha aggiunto, senza però fornire una timeline delle decisioni da prendere o manifestare la volontà di vendere gli asset residui nell’area.
Durante l’assemblea, gli azionisti hanno sostenuto – con l’88,74% dei voti a favore – la strategia di transizione energetica dell’azienda, ma allo stesso tempo un numero crescenti di soci ha anche appoggiato una seconda mozione, più critica rispetto alla strategia di Shell e che chiedeva un impegno maggiore sul fronte della decarbonizzazione.

La seconda mozione, presentata dal gruppo di azionisti attivisti Follow This, sollecitava la società petrolifera a fissare obiettivi più ambiziosi per combattere le emissioni di gas serra e criticava gli obiettivi di riduzione delle emissioni con la modalità intensity-based, che in teoria consente a Shell di aumentare le proprie emissioni in futuro. La mozione è stata respinta dal 69,53% dei voti, tuttavia ha ricevuto il sostegno di quasi un terzo dei votanti, una percentuale raddoppiata nel giro di un anno: alla scorsa assemblea annuale una risoluzione simile ottenne il 14,4% di voti a favore.

(Foto: Maxim Kuzubov /123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Shell, van Beurden (CEO): attività in Nigeria non compatibili con nos...