Sfatata una credenza comune: vaccino non causa l’autismo

(Teleborsa) – E’ stata sfatata una credenza comune fra le mamme ed i papà: il vaccino trivalente contro il morbillo, la parotite e la rosolia (MPR) non causa l’autismo. A dirlo è stato il Tribunale di Trani, investito del caso in seguito alla denuncia di una coppia di genitori. 

Il pm Michele Ruggiero sostanzialmente ha detto che non c’è alcuna correlazione fra l’autismo e la somministrazione del vaccino in questione, in base ai risultati di una indagine epidemiologica condotta in Puglia. Lo screening ha infatti rivelato che sono stati colpiti da autismo anche bambini non vaccinati.

IL caso è stato posto all’attenzione pubblica da una coppia che sosteneva vi fosse un legame fra l’autismo che ha colpito i loro due figli ed il vaccino, producendo una consulenza del medico di Polizia Massimo Montinari che parlava di “insorgenza post-vaccinale”. Invece, i consulenti del pm Ruggiero sono giunti a conclusioni diverse, escludendo qualsiasi correlazione anche in termini di elevata probabilità.

Sfatata una credenza comune: vaccino non causa l’autismo