Settore fieristico invoca intervento Governo: rischiamo di scomparire

(Teleborsa) – Nuovo grido d’allarme del settore fieristico nazionale: il Governo intervenga altrimenti il rischio è scomparire. “Siamo profondamente delusi per l’atteggiamento di indifferenza nei confronti del settore”, ha dichiarato Giovanni Laezza, Presidente di AEFI, l’associazione che rappresenta 36 quartieri fieristici del Paese.

“A oggi – dice – non abbiamo ricevuto alcuna risposta alle istanze avanzate per far fronte all’emergenza covid-19, che ha già messo in ginocchio e rischia di distruggere il settore fieristico nazionale. Ora chiediamo che le nostre istanze siano inserite nel Dl Aprile. Le manifestazioni fieristiche, che ogni anno generano affari per 60 miliardi e danno origine al 50% dell’export delle aziende che vi partecipano, sono una leva economica importante per il nostro Paese”.

Alla data del 27 marzo erano già 138 le manifestazioni fieristiche italiane posticipate, alcune al 2021. Di queste, 63 sono a carattere internazionale e 75 nazionale. Trenta, invece, quelle annullate.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Settore fieristico invoca intervento Governo: rischiamo di scomparire