Settore aereo, scontro compagnie aeree-Commissione UE per slot di volo

(Teleborsa) – È scontro tra la Commissione europea e le organizzazioni che rappresentano compagnie aeree e aeroporti, come IATA e ACI, dopo che le istutuzioni UE hanno presentato un piano per ripristinare la competizione tra vettori per gli slot aeroportuali dal prossimo anno.

Le compagnie aeree low cost sono impazienti di vedere un ritorno alle normali regole che richiedono agli operatori di utilizzare l’80% dei loro slot o di cederli ai concorrenti. La proposta della Commissione Europea ripristinerebbe questa regola a partire da marzo 2021, ma con una soglia inferiore, del 40%.

Le compagnie aeree e gli aeroporti europei si sono detti “fortemente preoccupati per la proposta della Commissione europea” che non affronterebbe “a sufficienza l’entità della perdurante crisi del trasporto aereo, il probabile stato di ripresa solo nell’estate del 2021”, hanno scritto IATA e ACI in un comunicato. Le due organizzazioni hanno descritto come una “aspettativa irrealistica” quella di usare almeno il 40% degli slot e detto che ci potrebbe essere il rischio di dover operare “voli fantasma” per mantenere le proprie fasce di volo.

“Contrariamente alle raccomandazioni del settore, la proposta della Commissione europea non consente sufficienti opportunità di pianificazione anticipata per aeroporti e compagnie aeree, il che rischia di ostacolare la ripresa e aumentare i costi – ha affermato ha affermato Olivier Jankovec, direttore generale di ACI Europa. “La proposta della Commissione è insufficiente per una crisi di questa portata“, ha invece commentato Rafael Schvartzman, vicepresidente regionale della IATA per l’Europa, che si è però detto disponibile a collaborare con le istituzioni UE per arrivare a un piano condiviso.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Settore aereo, scontro compagnie aeree-Commissione UE per slot di volo