Settore aereo, Moody’s: ripresa nel 2021 inferiore alle aspettative

(Teleborsa) – La ripresa per il settore aereo nel 2021 sarà inferiore alle attese e per tali ragioni alcuni scali avranno bisogno di rivedere i loro piani finanziari. È quanto ha previsto nel suo rapporto l’Investor Service dell’agenzia di rating Moody’s. “Mentre prevediamo che i volumi aumenteranno quest’estate, il traffico sarà inferiore a quanto ipotizzato in precedenza, ritardando la riduzione dell’indebitamento degli aeroporti – ha affermato Joanna Fic, Senior Vice President di Moody’s – La maggior parte degli aeroporti ha liquidità sufficiente per resistere a un lungo periodo di traffico sottotono, ma alcuni avranno nuovamente bisogno di deroghe al patto. Ci aspettiamo che i creditori rimangano di supporto, dato il potenziale di ripresa una volta che l’epidemia di coronavirus sarà stata contenuta”.

Moody’s prevede che i volumi di traffico di quest’anno rimarranno in media del 70% inferiori ai livelli del 2019, nonostante la domanda repressa durante la pandemia sia risultata essere elevata e l’attesa che il traffico aumenti man mano che i governi allenteranno le restrizioni e apriranno i corridoi di viaggio. Lo scenario centrale di Moody’s ha già stimato che il traffico aeroportuale europeo non tornerà ai livelli del 2019 prima del 2024.

Nel rapporto è stato sottolineato come gli aeroporti abbiano ridotto le spese operative e in conto capitale per preservare la liquidità. Queste misure, insieme alle iniezioni di capitale e alla sospensione del pagamento dei dividendi, sosterranno il flusso di cassa delle società. Tuttavia, la previsione dell’Investor Service è che gli aeroporti dovranno sostenere, in media, circa il 13% in più di debito nel 2023 rispetto al 2019, mentre l’utile al lordo di interessi, imposte, ammortamenti sarà inferiore rispetto al 2019.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Settore aereo, Moody’s: ripresa nel 2021 inferiore alle aspettat...