Segno meno per il settore servizi per la finanza (-1,13%)

(Teleborsa) – Seduta in ribasso per il comparto dei servizi finanziari in Italia, preannunciato dall’andamento debole dell’EURO STOXX Financial Services.

Il FTSE Italia Financial Services ha chiuso la giornata a quota 82.757,57, in diminuzione dell’1,13%. Flessione controllata invece del comparto servizi per la finanza europeo che evidenzia una leggera diminuzione rispetto alla precedente chiusura a quota 449,14, dopo che ha esordito a 450,04.

Tra le Blue Chip di Piazza Affari dell’indice servizi finanziari, seduta molto negativa per Exor, che perde terreno, mostrando una discesa del 2,02%.

Chiusura in rosso per Banca Generali, che termina la seduta segnando un calo dell’1,84%.

Ribasso per Azimut, che chiude la seduta con una flessione dell’1,25%.

Tra le mid-cap italiane, seduta in ribasso per Banca Ifis, che porta a casa un decremento dell’1,25%.

Tra le azioni del Ftse SmallCap, giornata da dimenticare per Banca Intermobiliare, che archivia la sessione in forte flessione, mostrando una perdita del 5,33% sui valori precedenti.

Aggressivo ribasso per Banca Sistema, che flette in maniera scomposta, archiviando la sessione con una perdita del 2,91%.

Sottotono Tecnoinvestimenti, che chiude la seduta con un calo dell’1,23%.

Segno meno per il settore servizi per la finanza (-1,13%)