Seduta euforica per Milano e le Borse europee

(Teleborsa) – Rally delle Borse europee, che salgono dopo la seduta brillante di Wall Street (grazie al calo dei rendimenti e dopo un ISM manifatturiero sotto le attese) e i passi indietro del governo britannico sui tagli fiscali che avevano mandato in subbuglio i mercati valutari e dei Titoli di Stato. Crescono le aspettative per un intervento comune da parte dell’UE sull’energia, anche dopo la presa di posizione di due commissari europei, il francese Breton e l’italiano Gentiloni.

In una lettera congiunta pubblica su diversi giornali europei, i due commissari affermano che “è più importante che mai evitare di frammentare il mercato interno, di avviare una corsa alle sovvenzioni e di mettere in discussione i principi di solidarietà e unità che sono alla base del nostro progetto europeo”. Inoltre, dicono che “per superare le faglie causate dai diversi margini di manovra dei bilanci nazionali, bisogna pensare a strumenti mutualizzati a livello europeo“.

Sul fronte macroeconomico, continuano a crescere i prezzi alla produzione della Zona Euro, che segnano ad agosto un +5% su base mensile e un +43,3% su base annuale.

In Spagna, la disoccupazione sale leggermente a settembre, con un aumento comunque inferiore al solito. Il governatore della Banca centrale, Pablo Hernandez de Cos, ha detto che le banche dovranno aumentare i propri accantonamenti al fine di coprire potenziali perdite, in quanto il rallentamento dell’economia e l’aumento dei prezzi dell’energia danneggiano famiglie e imprese.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,65%. Seduta in lieve rialzo per l’oro, che avanza a 1.703,1 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la sessione in rialzo e avanza a 83,99 dollari per barile, sulle aspettative di un possibile accordo OPEC+, nella riunione di domani in presenza, su un ampio taglio della produzione di greggio.

Lo Spread fa un piccolo passo verso il basso, con un calo dell’1,47% a quota +229 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 4,10%.

Tra i mercati del Vecchio Continente effervescente Francoforte, con un progresso del 2,89%, incandescente Londra, che vanta un incisivo incremento dell’1,88%, e in primo piano Parigi, che mostra un forte aumento del 3,35%.

Giornata di forti guadagni per Piazza Affari, con il FTSE MIB in rialzo del 2,67%, consolidando la serie di tre rialzi consecutivi, avviata venerdì scorso; sulla stessa linea, avanza con forza il FTSE Italia All-Share, che continua gli scambi a 23.400 punti. Balza in alto il FTSE Italia Mid Cap (+2,42%); sulla stessa tendenza, su di giri il FTSE Italia Star (+2,16%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Moncler (+6,63%), Nexi (+4,81%), Fineco (+4,66%) e STMicroelectronics (+4,42%).

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Reply (+5,43%), Maire Tecnimont (+5,27%), Brunello Cucinelli (+5,25%) e OVS (+4,57%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Salcef Group, che ottiene -1,45%.

Spicca la prestazione negativa di Mfe B, che scende dell’1,23%.

Giornata fiacca per Carel Industries, che segna un calo dello 0,84%.

Piccola perdita per Luve, che scambia con un -0,69%.

Tra gli appuntamenti macroeconomici che avranno la maggiore influenza sull’andamento dei mercati:

Martedì 04/10/2022
11:00 Unione Europea: Prezzi produzione, mensile (atteso 4,9%; preced. 4%)
11:00 Unione Europea: Prezzi produzione, annuale (atteso 43,1%; preced. 38%)
16:00 USA: Ordini industria, mensile (atteso 0,3%; preced. -1%)

Mercoledì 05/10/2022
08:00 Germania: Bilancia commerciale (atteso 4 Mld Euro; preced. 5,4 Mld Euro)
08:45 Francia: Produzione industriale, mensile (atteso -0,3%; preced. -1,6%).