Seduta euforica per Milano e le Borse europee

(Teleborsa) – In Europa si scatenano gli acquisti, così come a Piazza Affari che mostra un’ottima performance. Rimbalzo riuscito per i mercati, ma sullo sfondo restano i timori per il coronavirus in Cina.

Sul mercato valutario, l’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,18%. L’Oro viaggia seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,24%. Debole il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) con una variazione negativa dello 0,47% mentre l’OPEC sta valutando di estendere i tagli alla produzione fino alla fine dell’anno.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +159 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,26%.

Tra le principali Borse europee ben comprata Francoforte, che segna un forte rialzo dell’1,40%. Tonica anche Londra che vanta un incisivo incremento dell’1,64%. Parigi avanza dell’1,13%. Segno più per il listino italiano, con il FTSE MIB in aumento dell’1,29%.

In buona evidenza a Milano i comparti beni industriali (+2,48%), materie prime (+1,95%) e costruzioni (+1,82%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Poste Italiane (+4,19%), CNH Industrial (+3,42%), Atlantia (+3,29%) e Prysmian (+2,92%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Pirelli con -2,93% che incassato un downgrade.

Preda dei venditori Azimut, con un decremento dell’1,11%.

Tentenna Amplifon, con un modesto ribasso dello 0,60%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Maire Tecnimont (+3,46%), Cerved Group (+2,65%), Salini Impregilo (+2,55%) e ASTM (+2,16%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Tod’s, che ottiene -1,73%.

Si concentrano le vendite su Sesa, che soffre un calo dell’1,29%.

Piccola perdita per Italmobiliare, che scambia con un -0,99%.

Tentenna Illimity Bank, che cede lo 0,86%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Seduta euforica per Milano e le Borse europee