Seduta decisamente positiva per i mercati europei

(Teleborsa) – Tutte positive le principali Borse del Vecchio Continente., dopo le rassicurazioni sulla crescita economica della BCE che ha lasciato invariato il costo del denaro al minimo storico. 

Scambi in ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che accusa una flessione dello 0,72%. L’Oro continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,41%. Prevalgono le vendite sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), con scambi a 61,15 dollari per barile, in forte calo del 2,32%.

Migliora lo spread (differenziale tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco), scendendo a 126 punti base, con un calo di 3 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,89%.

Tra i mercati del Vecchio Continente buona performance per Francoforte, che cresce dello 0,90%, Londra avanza dello 0,63%, sostenuta Parigi, con un discreto guadagno dell’1,28%.

Piazza Affari termina la sessione in rialzo, con il FTSE MIB che avanza a 22.731 punti, proseguendo la serie di tre rialzi consecutivi iniziata martedì scorso.

Dai dati di chiusura di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 2,75 miliardi di euro, in ribasso (-9,56%), rispetto ai precedenti 3,04 miliardi; mentre i contratti si sono attestati a 295.568, rispetto ai precedenti 316.447, mentre i volumi scambiati sono passati da 1,55 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,1 miliardi.

A fronte dei 226 titoli trattati sulla piazza milanese, 60 azioni hanno chiuso in calo, mentre 150 azioni hanno portato a casa un incremento. Poco mosse le altre 16 azioni del listino italiano.

Media (+4,36%), Tecnologico (+4,12%) e Telecomunicazioni (+3,95%) in buona luce sul listino milanese.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, exploit di Mediaset, che mostra un rialzo del 9,23%: tornano le speculazioni su una fusione con Telecom Italia (+4,63%). Su di giri Atlantia (+5,05%) che ha confermato colloqui preliminari con ACS per negoziare un accordo per spartirsi gli asset di Abertis, evitando così la guerra derivante da un’OPA. Acquisti a piene mani su STMicroelectronics, che vanta un incremento del 4,65%. I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Ferragamo, che ha archiviato la seduta con un -0,69%.

Al top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Technogym (+6,81%), ERG (+6,29%) dopo i conti e il piano, Juventus (+5,20%) dopo la vittoria a Londra contro il Tottenham che le ha dato il lasciapassare per accedere ai quarti di finale di Champions League e ASTM (+4,65%).

Seduta decisamente positiva per i mercati europei