Scuola, prova generale di ripartenza: riaprono i centri estivi

(Teleborsa) – Dopo incognite e incertezza, scaldano i motori anche i centri estivi per bambini e adolescenti dai 3 ai 17 anni che ripartiranno dal 15 giugno, come stabilito dall’ultimo DPCM (Decreto del Presidente del Consiglio, ndr) che ha decisamente allentato le maglie della della Fase 2. Sul fronte dei contagi continuano per fortuna ad arrivare buone notizie e le Regioni accelerano (l’Emilia Romagna ha fatto sapere che partirà l’’8 giugno) studiando iniziative ad hoc.

In linea generale, i centri saranno organizzati in maggioranza all’aperto in scuole, oratori e ludoteche. Previsti ingressi scaglionati in piccoli gruppi, un “triage di accoglienza” con lavaggio delle mani e misurazione possibile della temperatura all’ingresso. Le attività dovranno essere programmate garantendo la “continuità di relazione fra gli operatori ed i piccoli gruppi di bambini ed adolescenti, anche ai fini di consentire l’eventuale tracciamento di potenziali casi di contagio”.

Prevista, ovviamente, “pulizia approfondita frequente delle attrezzature e degli oggetti utilizzati per la realizzazione delle attività”, prestando massima attenzione a verificare che non ci sia condivisionedi posate e bicchieri da parte di più bambini nel momento del pasto”.

Una prova generale in piena regola, in vista della ripresa a settembre per valutare come bambini e i ragazzi abbiano affrontato l’interruzione della didattica e la lunga pausa forzata, con annesse ripercussioni sulla socialità.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, prova generale di ripartenza: riaprono i centri estivi