Scuola, prossima l’ordinanza sulle nuove supplenze. Per Anief tante criticità e possibili ricorsi

(Teleborsa) – Poche luci e molte ombre sulla nuova ordinanza chiamata a disciplinare il sistema delle supplenze nella scuola pubblica italiana. Tante le criticità secondo il giovane Sindacato della Scuola Anief.

Nel documento ricevuto dal Ministero – sottolinea il Presidente Marcello Pacifico – segnaliamo con dispiacere e rammarico che ci sono diverse categorie di esclusi, a partire dagli insegnanti tecnico-pratici, quelli che hanno i diplomi professionali e che insegnano alcune materie in diversi istituti come ad esempio gli alberghieri, MAER, istituti tecnici, che sono collocati in fasce decisamente penalizzanti nell’ottica di nuovi contratti.

C’è poi un altro aspetto particolarmente grave, ossia l’intervento a gamba tesa sulla tabella di valutazione dei titoli. “Voglio ricordare – osserva Pacifico – che è la stessa da 13 anni ed è a quella che fanno riferimento i precari che sanno, ad esempio, che è necessario prendere dei master. E ora? D’un tratto i nuovi titoli non corrispondono a quelli passati. Questa è una violazione del principio di affidamento, non si possono cambiare le carte in tavola di colpo. E su questo abbiamo mostrato tutte le nostre riserve presentando un primo documento che fa il punto sulle criticità che continuiamo a segnalare con forza, tra le quali resta centrale il problema del precariato.

“Rispetto alle 85 mila immissioni in ruolo annunciate, più le altre, segnaliamo con rammarico che più della metà andrà vacante perchè non si vuole proseguire per reclutare dalle graduatorie d’istituto”.

“Oggi- sottolinea ancora Pacifico – invieremo un nuovo documento sulla tabella dei titoli: non è giusto tradire le aspettative e i sacrifici di quanti hanno lavorato, piuttosto occorre valorizzare dei titoli che non sono mai stati valutati, e che servono come ad esempio le certificazioni informatiche, linguistiche, strumenti importanti nell’organizzazione del nostro lavoro”.

Alla luce di tutte queste considerazioni e nell’ottica di superare le criticità che da sempre fanno da freno, Anief ribadisce al Ministro Azzolina la necessità, unitamente alla richiesta, di dover reclutare i precari fin da subito.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, prossima l’ordinanza sulle nuove supplenze. Per Anief ta...