Scuola, precari e assunzioni dopo 36 mesi: qualcosa si muove

(Teleborsa) – Entra nel vivo la discussione del disegno di legge n. 355 presentato dal presidente della Commissione Cultura per modificare il comma 131 della legge 107/2015, peraltro già abolito dal Decreto dignità, attraverso il quale erano state stravolte le indicazioni dell’Unione Europea in materia di contratti a tempo determinato del personale docente.

Tuttavia, secondo il sindacato della scuola, Anief, “c’è poco da fidarsi”. Perché “nelle passate settimane la V e la XIV Commissione di Palazzo Madama hanno già bocciato il testo presentato come emendato alla legge europea”.

Per Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief “fino a quando non si troveranno coperture finanziarie o non si convincerà il Ministero dell’economia della necessità estrema di attuare questa operazione, rendendo automatica la stabilizzazione di chi ha svolto un congruo periodo di supplenze, come indicato da tempo Unione Europea, sarà inutile discuterne. E – aggiunge – continuerà ad essere necessario ricorrere in tribunale, per ottenere i dovuti risarcimenti previsti dalla giurisprudenza sull’abuso dei contratti a termine”.

Scuola, precari e assunzioni dopo 36 mesi: qualcosa si muove