Scuola, ministro Azzolina incontra i sindacati. Interviene Pacifico

(Teleborsa) – Sindacati convocati oggi al Ministero dell’Istruzione dalla Ministra Azzolina, per parlare dei temi “caldi” che riguardano la scuola, mentre la pandemia sembra prendere il sopravvento, come testimonia l’impennata dei contagi degli ultimi giorni.

“Nell’incontro di oggi con la Ministra Azzolina – spiega Marcello Pacifico, Presidente del sindacato Anief – parleremo di alcuni alcuni temi, in primo luogo la Legge di Bilancio, a seguire il Dpcm del 24 ottobre, quindi l’esame di quello che sta avvenendo in Italia con la chiusura delle scuole e la didattica digitale integrata e, infine, dell’ipotesi di contratto, per capire se le altre sigle sindacali la firmeranno”.

“Per quanto riguarda la Legge di Bilancio – sottolinea – l’Anief vuole chiedere al Ministro un sistema di reclutamento che permetta di impiegare tutti i precari che da anni si trovano nelle nostre scuole. Riteniamo che le soluzioni approntate negli ultimi cinque anni non hanno risolto il problema della supplentite. Abbiamo un reclamo collettivo su cui aspettiamo una sentenza del Consiglio d’Europa a gennaio. E’ evidente che ci devono essere delle proposte che portino a stabilizzare il personale”.

“L’altro grande problema – afferma Pacifico – è la pianta organica del personale che è stata ridotta. Abbiamo acquistato dei banchi monouso, ma non è quello che serve alle scuole. Occorre riprendersi le aule che sono state tolte in questi anni, eliminare le classi pollaio, ripristinare gli edifici dismessi ed avere spazi in sicurezza”.

“Ciò porta dunque a ripristinare quei numeri di personale tagliati da anni”, afferma il Presidente di Anief, facendo cenno anche al personale ATA che – afferma – “è stato sempre sottovalutato”.

“Serve un contratto, servono delle risorse, serve di conoscere il rischio biologico per le scuole che sono rimaste aperte, per quando si fa lezione col Covid. serve riconoscere il burn-out degli insegnanti e di tutto il personale della scuola, ma serve anche intervenire sulla mobilità“, ricorda Pacifico, aggiungendo “non è possibile avere 200mila posti vuoti in organico e avere un blocco di cinque anni sugli spostamenti”. Infine, il sindacalista cita anche il problema non risolto dei diplomati magistrali, che si può risolvere solo con un progetto di reclutamento nuovo, che permetta a chi ha un titolo valido per insegnare di poter essere reclutato”.

Per il contratto della didattica a distanza, invece, il Presidente di Anief chiede perché venga utilizzato per fare opposizione in sede politica. “Non si comprende per quale motivo debba andare contro l’interesse dei lavoratori. – afferma – Chi insegna nella scuola ha interesse che ci sia un contratto che vada a disciplinare la didattica a distanza e non si ricada nell’anarchia della prima ondata di Covid”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, ministro Azzolina incontra i sindacati. Interviene Pacifico