Scuola, irrisorio lo stanziamento sblocca-stipendi

(Teleborsa) – La Legge di stabilità appena varata ha stanziato 300 milioni di euro per sbloccare lo stipendio a 3 milioni di statali. La dotazione però non è ritenuta sufficiente dal sindacato della scuola Anief guidato da Marcello Pacifico, che indica il valore congruo in 5 miliardi di euro. 

Ai dipendenti pubblici viene conferito come aumento appena un decimo dell’indennità di vacanza contrattuale prevista – sottolinea – mentre permane il buio sul triennio successivo, visto che la somma stanziata servirebbe solo per il 2015.

“Sul rapporto stipendi-inflazione – afferma il leader Marcello Pacifico – vi è una recente sentenza della Consulta, sulle pensioni quali retribuzioni differite, che ne impone la perequazione automatica al di là della firma di un contratto. E poi la copertura doveva essere triennale”.

Inoltre, il sindacato forti dubbi su tempi e modalità del rinnovo contrattuale, quando tra l’altro l’anzianità di servizio lascerà spazio al criterio della produttività previsto dalla legge Brunetta di riforma della PA nel 2009. 

L’Anief non ci sta e chiede aumenti veri e il recupero di 5mila euro di arretrati. A tale scopo è stato già predisposto un apposito ricorso, attraverso cui chiedere lo sblocco immediato e il pagamento per intero dell’indennità, pari a 110 euro medie a lavoratore, più l’accreditamento degli arretrati.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, irrisorio lo stanziamento sblocca-stipendi