Scuola, è la settimana del grande rientro: via le misure anti Covid. Studenti: poca chiarezza

(Teleborsa) – Dopo le prime aperture della scorsa settimana, tornano oggi a scuola gli studenti di Abruzzo, Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Provincia di Trento. Domani toccherà a ragazzi e ragazze della Campania, mercoledì finiranno le vacanze estive in Calabria, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna e Umbria mentre giovedì si tornerà tra i banchi di scuola in Emilia-Romagna, Lazio e Toscana. Infine, il 19 settembre sarà il turno degli studenti di Sicilia e Valle d’Aosta.

La novità di quest’anno è che si torna tutti in classe senza distanziamento, senza personale aggiuntivo Covid, senza mascherine, senza Dad. Per l’aerazione delle classi è indicato aprire le finestre e cambiare l’aria con frequenza. Via libera anche alle gite. Ma se il quadro sanitario dovesse peggiorare le scuole dovranno essere “preparate e pronte” a rimettere in piedi le misure assunte negli ultimi tre anni.
Critico il giudizio degli studenti che hanno definito il rientro in classe “complicato e caotico”.

“Dal ministero – secondo le dichiarazioni raccolte da Ansa – arriva poca chiarezza circa le misure Covid per l’ennesimo anno, all’interno di un sistema scolastico e universitario in cui non si è investito”. “In questa campagna elettorale si parla poco e male di scuola, di università e di giovani, e ancora una volta senza chiederci cosa ne pensiamo”. Per questo Rete degli Studenti Medi e Unione degli Universitari hanno scritto un manifesto con 100 proposte lanciato con un flash mob al ministero dell’Istruzione e davanti a più di 50 scuole in occasione del rientro scolastico.

“E’ la scuola della ripartenza. Tutto il Paese ha bisogno di ripartenza, di guardarsi negli occhi. Il governo ha ritenuto che la fase di emergenza fosse conclusa.Abbiamo perso molto. Ma siamo pronti per ogni evenienza. Teniamo monitorata la situazione in ogni parte del Paese”, ha dichiarato nel frattempo Patrizio Bianchi, ministro dell’Istruzione, intervistato da UnoMattina parlando dell’avvio del nuovo anno scolastico e dell’emergenza Covid.