Scuola: diplomati magistrali, siglata l’intesa

Sottoscritta un'intesa al Miur. Tuttavia l'Anief resta insoddisfatta e conferma lo sciopero del 12 novembre

Teleborsa – E stata sottoscritta oggi dai sindacati maggiori al Miur un’intesa sui diplomati magistrale, che permette loro di continuare a insegnare per quest’anno. Tuttavia rimane il problema del loro reclutamento.

In particolare, l’intesa prevede l’impegno da parte dell’amministrazione centrale di “individuare, in tempi brevi, l’idoneo vincolo normativo per consentire l’estensione dei contratti che andrebbero sciolti al 30 giugno 2020”, al fine di garantire “la continuità didattica dopo l’applicazione delle sentenze di merito negative e il depennamento dalle graduatorie ad esaurimento” degli oltre 40 mila maestri diplomatisi fino al 2002.

La norma, si legge nell’intesa, dovrà anche salvaguardare i diritti dei docenti utilmente collocati nell’anno scolastico in corso per l’immissione in ruolo, ovvero quei docenti che sarebbero stati immessi in ruolo se non ci fosse stata l’assunzione con riserva del collega.

“Dal tavolo di confronto – spiega Marcello Pacifico, leader del sindacato Anief – ci aspettavamo una soluzione, una norma, che avrebbe permesso agli oltre 7 mila maestri già immessi in ruolo di non subire l’onta del licenziamento”. “Con tanto di collocazione in seconda fascia d’Istituto e, allo stato attuale, senza alcuna possibilità di potere essere rinominati per le assunzioni a tempo indeterminato”, conclude il sindacalista autonomo.

Poiché tutto questo non è stato fatto, nemmeno in parte, Anief conferma lo sciopero per il prossimo 12 novembre, con manifestazione davanti al palazzo, dove i gruppi parlamentari dovranno decidere se risolvere la questione oppure se far tornare il caso nelle aule dei tribunali.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola: diplomati magistrali, siglata l’intesa