Scuola, concorso docenti: 100 giorni non sono bastati per raddoppiare il compenso dei commissari

(Teleborsa) – A 100 giorni dall’annuncio del premier Renzi di un immediato intervento riparatorio per raddoppiare il compenso dei commissari del concorso a cattedra dei docenti, ancora non è stato pubblicato il decreto, ma neanche una nota ministeriale o un impegno scritto da parte dell’amministrazione. È un caso di ineluttabile lentezza legislativo-amministrativa, scrive oggi Tuttoscuola, ripercorrendo le fasi di una vicenda aperta l’11 aprile scorso dal premier Renzi, dopo che i media denunciarono “paghe da fame per impegnativi incarichi di responsabilità da conferire a dirigenti e docenti” impegnati a valutare i 163mila candidati a ricoprire i 63.712 posti messi a concorso dal Miur.
 
Il giovane sindacato della scuola Anief ricorda che quanto sta accadendo con il concorso a cattedra del 2016 è un remake della selezione di quattro anni prima: “nel 2012 denunciammo un quadro non molto diverso dall’attuale, con diversi commissari, che per via dei compensi ridotti all’osso, si dimisero in corso d’opera, costringendo il Miur a chiamare pure i docenti in pensione”, dice oggi Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal. “È avvilente che per portare da 1 a 2 euro lordi l’ora il compenso dei commissari non siano bastati più di tre mesi: è da queste dinamiche che si comprende la scarsa considerazione che in Italia le istituzioni continuano ad avere per l’istruzione dei cittadini. E si comprende, anche, perché in tanti sono costretti a rivolgersi al tribunale per ottenere giustizia”, conclude il sindacalista Anief-Cisal.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, concorso docenti: 100 giorni non sono bastati per raddoppiare ...