Scuola, Azzolina: test a campione su studenti. Per ripartenza stanziati 2,9 miliardi

(Teleborsa) – Gli studenti verranno sottoposti a test a campione durante l’anno scolastico per ridurre al minimo il rischio infezioni in classe. Ad annunciarlo oggi è stata la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina nel corso della sua informativa al Senato.

“Siamo consapevoli del fatto che il rischio zero non esista, anche a scuola. Proprio per questo sarà fondamentale il senso di responsabilità di ciascuno e il rispetto delle Linee guida e dei Protocolli emanati insieme alle competenti autorità sanitarie”, ha dichiarato la ministra.

“Durante l’anno saranno fatti test a campione anche agli studenti, il rischio zero non esiste – ha ribadito Lucia Azzolina – proviamo a ridurlo il più possibile per avere la massima sicurezza. I test sierologici al personale scolastico ci sono, tanto personale li sta facendo”.

La ministra Azzolina ha difeso l’operato del Governo e la mobilitazione di tutto il mondo della scuola affinché le lezioni potessero riprendere: “C’è stato il massimo sforzo da parte di tutti per il conseguimento di un risultato che riguarda il Paese intero. Il confronto è stato sempre serio, franco. Le opinioni sono state anche divergenti. Ma questo è il sale della democrazia”.

Per la riapertura a settembre la ministra Azzolina ha informato che sono stati stanziati 2,9 miliardi – “una cifra non banale, nessun altro Paese europeo ha messo tante risorse sul capitolo ripartenza” – mentre se si guardano le risorse stanziate sull’Istruzione complessivamente da inizio anno la cifra sale a 7 miliardi.

“Se consideriamo le risorse mobilitate da quando ho giurato come Ministra, a gennaio, parliamo di circa 7 miliardi che rappresentano, e credo che su questo davvero non si possa che essere tutti d’accordo, un segnale inequivocabile. La stagione dei tagli è stata archiviata. La Scuola torna al centro di investimenti. Puntiamo ad essere un Paese in cui l’Istruzione possa essere davvero motore di sviluppo, innovazione, ascensore sociale per i capaci e meritevoli, come sancito dall’articolo 34 della nostra Costituzione”.

La ministra ha poi risposto alle accuse e alle critiche che hanno riguardato il suo lavoro e quello dell’esecutivo: “ho letto diverse corbellerie in queste settimane. Un dibattito quasi surreale sui banchi. Cifre date a caso, anche rispetto ai costi. Ho letto che il Governo sta sprecando denaro sulla scuola. Credo che ogni singolo euro speso per la scuola non sia perduto ma costituisca, invece, un investimento. Un investimento per il futuro dell’Italia”.

Nel frattempo però dalla Lega è arrivata una mozione di sfiducia nei confronti della ministra dell’Istruzione. La risposta del M5S a difesa di Lucia Azzolina arriva attraverso una nota dei componenti del partito della commissione Istruzione al Senato che ha definito come “ennesimo autogol” l’iniziativa lanciata dai leghisti.

“La mozione di sfiducia è il messaggio più chiaro e inequivocabile di quanto abbia collaborato al rientro a scuola: zero. Tanta propaganda sì, molte bugie anche, tutto sulla pelle degli studenti (e delle loro famiglie)”, si legge nel duro comunicato diffuso.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, Azzolina: test a campione su studenti. Per ripartenza stanziat...