Scivolano i mercati europei in attesa della Fed. Milano in testa alle perdite

(Teleborsa) – Frecce rosse per i mercati del Vecchio Continente, con Milano che registra la perdita più ampia.

Gli investitori attendono di conoscere le decisioni di politica monetaria della Fed e la reazione del mercato alla trimestrale di Apple. 

Intanto il petrolio continua a scendere. Il Light Sweet Crude Oil crolla del 3,24%, scivolando fino a 30,43 dollari per barile.

L’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,087. 

Invariato lo spread, che si posiziona a 106 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,48%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, Francoforte scende dello 0,72%, Londra evidenzia un decremento dello 0,53% mentre Parigi registra un calo dello 0,62%.

Sessione da dimenticare per la Borsa italiana, con il FTSE MIB che sta lasciando sul terreno l’1,77%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo STMicroelectronics (+3,25%) grazie ai conti e Banca Mps (+2,56%) dopo la promozione di BofA ma grazie anche all’accordo con l’UE sullo smaltimento delle sofferenze bancarie.

Le vendite si sono concentrate su Saipem, -6,85%, indebolita dalle mosse di UBS.

Pesante Finmeccanica, che segna una discesa del 6,64%.

Seduta drammatica per UBI Banca, che crolla del 4,95%.

Sensibili perdite per Banca Popolare dell’Emilia Romagna, in calo del 4,75%.

Depressa FCA -2,92% dopo aver annunciato un utile in calo nel 2015.

Vendite a piene mani su Generali Assicurazioni, che soffre un decremento del 2,26% dopo la conferma dell’addio di Greco.

Sul listino completo vola Pierrel  +6,26%, dopo l’ok alla commercializzazione dell’Orabloc monouso in Italia.

In denaro Banca Carige +2,91%, grazie alla promozione di Moody’s.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scivolano i mercati europei in attesa della Fed. Milano in testa alle ...