Sciopero PA, scintille Sindacati-Governo

(Teleborsa) – I sindacati del pubblico impiego hanno proclamato uno sciopero nazionale il 9 dicembre. Le sigle di Fp Cgil, Cisl Fp, e Uil Pa hanno annunciato l’iniziativa in seguito alla “mancanza delle necessarie risorse per lavorare in sicurezza” con l’auspicio di “avviare una vasta programmazione occupazionale e di stabilizzazione del precariato per il finanziamento dei rinnovi”.

Una mossa che, in un momento particolarmente critico, non è piaciuta all’esecutivo impegnato nella già difficile gestione della seconda ondata della pandemia.

Sanità, scuola, Comuni: proviamo a difendere il Paese in questa guerra non decisa dal Governo o da chi combatte ogni giorno”. Lo scrive in un tweet la Ministra della Funzione Pubblica, Fabiana Dadone, in riferimento allo sciopero indetto dai sindacati nella Pubblica amministrazione per il prossimo 9 dicembre per la mancanza di risorse adeguate in Manovra per il pubblico impiego.

“Eppure – aggiunge Dadone – qualcuno pensa di bloccare l’Italia e mettere a rischio la già fragile tenuta sociale. Ciascuno si assumerà le proprie responsabilità”.

“Noi abbiamo chiesto da tanto tempo un confronto e non ci è stato dato. La mobilitazione è la risposta giusta in questo momento”. Lo ha detto il leader della Uil, Pierpaolo Bombardieri, a Omnibus su La 7. “Noi abbiamo dimostrato tanto senso di responsabilità in questi giorni. E il senso di responsabilità non può essere chiesto a senso unico”, ha aggiunto.

Bombardieri ha poi spiegato: “quando parliamo di P.A. parliamo d’infermieri, di personale sanitario, di vigili del fuoco, di lavoratori e lavoratrici che, in questi giorni, rischiano la propria vita per metterla a disposizione degli altri. E i soldi per i nuovi contratti non ci sono”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sciopero PA, scintille Sindacati-Governo