Sciopero benzinai, adesione media Italia oltre il 74%

Primo giorno di protesta con la maggior parte dei distributori chiusi su strade e autostrade

(Teleborsa) – Da questa mattina alle ore 6.00, i gestori degli impianti di rifornimento carburanti, sia di rete autostradale che ordinaria, sono chiusi per lo sciopero nazionale proclamato da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio per le giornate del 6 e 7 novembre.

Dai primi dati che affluiscono dalle strutture sindacali territoriali, il grado di adesione medio nazionale che si attesta oltre il 74% testimonia la partecipazione e il livello di preoccupazione della categoria.

Elementi accolti con soddisfazione dalle federazioni sindacali, tanto più in presenza del continuo moltiplicarsi di impianti presidiati da lavoratori senza contratto o con contratti precari e illegali, se non gestiti direttamente dalla criminalità organizzata.

Lo sciopero dei gestori attualmente in corso avrà termine alle ore 6.00 di venerdì 8 novembre.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sciopero benzinai, adesione media Italia oltre il 74%