Scatta la maxi Zona rossa: coinvolte 10 Regioni e Trento

(Teleborsa) – Scatta la Zona Rossa per 10 Regioni e la Provincia di Trento. Il resto dell’Italia tutta in arancio, fatta eccezi9one per la sardegna, che resta in zona bianca. E’ iniziato alla mezzanotte il lockdown di Pasqua, con misure destinate a restare in vigore sino al 6 aprile, salvo le diverse regole previste per i giorni festivi, che saranno comunque in rosso, ma con un margine di libertà per le visite.

Scattati questa mattina i controlli su strade ed autostrade, con posti di blocco anche ai caselli. Attenzione anche a porti, aeroporti e stazioni ferroviarie. Anche in città previsti controlli a campione su pedoni e veicoli, ma non passeranno in second’ordine parchi, laghi e litorali. Dal Viminale si apprende che, in un anno di pandemia, dall’11 marzo 2020, sono stati effettuati 47 milioni di controlli dalle forze dell’ordine, fermate 37,2 milioni di persone e inflitte 600mila sanzioni per comportamenti vietati in violazione delle misure anti-Covid previste dai vari Dpcm.

Ultimo weekend di libertà all’insegna degli assembramenti

Affollamenti nelle piazze, nei parchi, ai tavolini dei bar in vista della serrata pasquale. Le immagini giunte dal weekend mostrano strade affollate e negozi presi d’assalto, soprattutto i supermercati, dove per la prima volta da mesi si sono ritrovate le file agli ingressi. Un vero e proprio assalto agli scaffali, spesso vuoti, soprattutto alcuni generi alimentari come frutta, verdura, pane, farina, lievito di birra. Un flashback al primo lockdown nazionale di marzo 2020.

E con gli assembramenti sono scattati i controlli in molte città, corredati delle relative sanzioni. Lo scorso weekend, ad esempio, è stato bloccato a Genova un rave party sulle colline con 250 persone. A Roma sono scattate chiusure nel centro storico, con Via del Corso e Piazza del Popolo presi letteralmente d’assalto, ma anche a Trastevere, San Lorenzo e le vie della movida. E ancora, a Milano moltissime sanzioni scattate per il fenomeno delle case affittate per organizzare feste.

Scuola: sette milioni di studenti in Dad

Con il lockdown arriva il temutissimo appuntamento con la Dad, che da oggi coinvolgerà quasi 7 milioni di studenti di ogni ordine e grado, circa 8 su 10 di tutta la popolazione studentesca coinvolta. scorsa settimana erano “a distanza” 5,7 milioni di studenti.

A determinare l’impennata della Dad è soprattutto il lockdown scattato in tre Regioni – Lazio, Veneto, Piemonte – ma la percentuale di studenti che segue le lezioni da casa non è uniforme sul territorio nazionale: coinvolge la quasi totalità degli studenti del Nord (95%) mentre si stima che al centro coinvolga 8 studenti su 10 e nel Mezzogiorno 2 studenti su 3.

Chiusi anche gli asili nido e, per sopperire alle difficoltà delle famiglie, sono state facilitate le richieste di smart working, mentre il governo ha approvato lo stanziamento di risorse, anche in via retroattiva, per il congedo parentale (con retribuzione al 50%) ed il bonus baby-sitter per chi ha figli minori al di sotto die 14 anni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scatta la maxi Zona rossa: coinvolte 10 Regioni e Trento