Sblocca cantieri, Cdm approva il decreto. Ma solo “salvo intese”

(Teleborsa) – Ok del Consiglio dei Ministri al Decreto sblocca cantieri. Ma solo “salvo intese”. Tradotto? L’intesa politica ancora non c’è. Tanto, insomma, c’è ancora da definire e l’accordo fra grillini e leghisti sul provvedimento è più lontano di quanto potrebbe sembrare.

“Rischiamo di approvare un decreto Blocca cantieri, senza la s”, lamenta la Lega. E Matteo Salvini, che arriva in Cdm piuttosto stizzito, elenca le cose che “mancano” nel testo preparato da Danilo Toninelli con la supervisione di Conte.

Il Premier come sempre media. “Si parte divisi per colpire uniti”, dice nel tentativo di allontanare l’ennesima frizione all’interno dell’esecutivo. E su Twitter scrive: “Lo avevamo promesso, facciamo ripartire il Paese”. Intanto però il braccio di ferro tra M5s e Lega continua e potrebbe andare avanti per giorni.

“Mancano tante opere da sbloccare. E manca un sostanzioso incentivo alla ripartenza dell’edilizia privata”. È il pacchetto per la “rigenerazione urbana” che secondo il M5s conteneva un condono: “Nessun condono ma devono ripartire manutenzioni, messe a norma, adeguamenti ambientali e antisismici, con sconti alle famiglie. Se non riparte l’edilizia, non riparte l’Italia”

Insomma, tutta aperta la partita con il testo approvato in Cdm, difeso dal M5s e finito nel mirino della Lega, che potrebbe cambiare ancora.

Sblocca cantieri, Cdm approva il decreto. Ma solo “salvo in...