Samsung, Tar del Lazio conferma multa da 5 milioni inflitta da Antitrust

(Teleborsa) – Il Tar del Lazio ha confermato la multa da 5 milioni di euro inflitta nel 2018 dall’Antitrust a Samsung, ritenuta responsabile di una pratica commerciale scorretta per avere sviluppato e imposto l’istallazione ai consumatori che avevano acquistato uno smartphone modello Galaxy Note4, l’aggiornamento alla nuova versione del sistema operativo Android, Marshmallow. Questa avrebbe causato una riduzione delle prestazioni del cellulare e Samsung non ha prestato la dovuta assistenza ai clienti, secono l’AGCM.

Il Tar del Lazio ha respinto due ricorsi proposti da Samsung Electronics Italia e Samsung Electronics Co. Ltd., ritenendo “pacifico” il fatto che “l’aggiornamento in questione sia stato lanciato senza che gli utenti fossero adeguatamente informati degli inconvenienti che l’installazione avrebbe potuto comportare e senza provvedere, se non tardivamente ed in maniera limitata, a rimediare ai malfunzionamenti”.

Secondo i giudici, la stessa azienda coreana non contesta che i “fenomeni negativi si siano verificati”, ma afferma “che non sarebbero conseguenza degli aggiornamenti del sistema operativo, come accertato dall’Autorità, senza, tuttavia, offrire una diversa spiegazione degli stessi, senza dimostrare di essersi attivate per limitarli e senza smentire di aver continuato insistentemente a sollecitare gli aggiornamenti in assenza di adeguata informazione sui prevedibili rischi”.

La conclusione è che “correttamente l’Autorità ha fatto applicazione, nel caso di specie, delle norme del Codice del Consumo, avendo ritenuto violate, da parte di Samsung, le regole di diligenza professionale esigibili da un operatore del settore di primaria importanza mondiale”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Samsung, Tar del Lazio conferma multa da 5 milioni inflitta da Antitru...