Salvini rilancia sul servizio militare e poi scuola, pensioni, immigrazione

(Teleborsa) – Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha aperto alla possibilità di reintroduzione del servizio militare obbligatorio per i giovani. Lo ha definito un metodo “educativo” parlando a RaiNews24 in occasione di un comizio a Lesina, in Puglia. 

“Vorrei che oltre ai diritti tornassero a esserci i doveri”, ha affermato il leader della Lega, aggiungendo “facciamo bene a studiare i costi, i modi e i tempi per valutare se, come e quando reintrodurre per alcuni mesi il servizio militare”.

Tanti i temi toccati dal vicepremier: scuola, pensioni, immigrazione. A proposito della polemica sorta sulla capotreno di Trenord che ha fatto scendere i nomadi dalla vettura ha detto “ha difeso il diritto alla sicurezza“. Poi, ha affermato che “l’immigrazione serviva alla sinistra per avere schiavi da far usare dalle multinazionali e da mettere nei ghetti per guadagnare sulla pelle dei disgraziati” ed ha aggiunto “il lavoro va pagato”.

Poi c’è il tema scuola, sia sotto il profilo della sicurezza – “a settembre con una ventina di sindaci partirà Scuole sicure: daremo soldi per andare a beccare gli spacciatori fuori dalle scuole medie e dagli istituti” – che dal punto di vista del diritto allo studio. Riguardo all’obbligo dei vaccini ha risposto “Il diritto alla scuola, all’educazione è fondamentale. Da genitore preferisco educare, spiegare, convincere piuttosto che multare e obbligare”.

Ci impegneremo tantissimo anche sul piano economico, per fare anche lì la rivoluzione che abbiamo già messo in atto sull’immigrazione”, ha sottolineato Salvini citando la rottamazione della legge Fornero sulle pensioni, l’abolizione di spesometri, redditometri, studi di settore, a favore della “pace fiscale”.

Salvini rilancia sul servizio militare e poi scuola, pensioni, im...