Salvini e Di Maio smentiscono la crisi ma le tensioni restano

(Teleborsa) – Il governo gialloverde durerà 5 anni, lo ribadiscono sia Salvini che Di Maio per tentare di smorzare le ultime tensioni sulla bozza del decreto fiscale che hanno contribuito a scatenare le vendite sui mercati finanziari. Gli investitori sono preoccupati per la tenuta dell’Esecutivo italiano ma anche per una possibile bocciatura della Manovra da parte dell’Ue.

“Bisogna serrare le fila, compatti Lega e M5S – ha dichiarato il vicepremier Matteo Salvini – . Rispettosi del contratto di governo ma senza fare scherzi. Ho aspettato senza dir nulla per ventiquattro ore e porto pazienza. Però per scemo non passo. Se qualcuno dei M5S ha cambiato idea cambiamo tutto da cima a fondo. Ma la verità storica è agli atti: quelle 4 paginette ci sono a P.Chigi, con le annotazioni
del premier verbalizzate da Di Maio”. “Io sentirò tutti, però inizio ad arrabbiarmi, perché in quel Consiglio dei ministri Conte leggeva e Di Maio scriveva”, ha aggiunto il leader della Lega.

Sull’impennata dello spread Salvini dichiara: “se lo spread arriva a 350 perché questi litigano è un problema”.

“Sul contratto siamo d’accordo al centro per cento”, ha puntualizzato l’altro vicepremier Luigi Di Maio aggiungendo: “basta la correttezza e si va avanti”, avanti “5 anni, così dice la democrazia”. Il Movimento 5 Stelle non vuole il condono, “se non lo vuole neanche la Lega il problema è risolto”, ha assicurato Di Maio confermando che “il governo deve andare avanti con il massimo della forza, più forte di prima”.

Per dirimere la questione il premier, Giuseppe Conte, avrebbe convocato un Consiglio dei Ministri per le 13.00 di domani 20 ottobre 2018. “Oggi sono in Trentino ma domani volo a Roma per risolvere i problemi – ha confermato Salvini – . Basta litigi”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Salvini e Di Maio smentiscono la crisi ma le tensioni restano