Salvatore Ferragamo annuncia vendite deboli per l’impatto cambi e saldi

(Teleborsa) – Salvatore Ferragamo ha annunciato i dati preliminari dell’esercizio 2017, che evidenziano ricavi per 1.393 milioni di euro, in diminuzione del 3,1% a cambi correnti e dell’1,4% a cambi costanti. Nel solo 4° trimestre, il fatturato registra una diminuzione dell’8,4%, penalizzato dall’andamento delle valute (-5,1% a cambi costanti) e dalla minore incidenza dei saldi di fine stagione nel canale primario.

L’analisi per  canale distributivo evidenzia che il Retail ha registrato ricavi in diminuzione dello 0,8% (+1,3% a tassi di cambio costanti), con un andamento negativo (-1,7%) anche a tassi e perimetro costanti (like-for-like). Il canale Wholesale, penalizzato durante il corso dell’intero esercizio dal destocking, dalle tensioni in Corea del Sud e dalla razionalizzazione strategica in Giappone, ha riportato, ricavi in contrazione del 7,4% (-6,2% a tassi di cambio costanti).

A livello geografico, l’area Asia Pacifico si riconferma il primo mercato in termini di ricavi per il gruppo e registra una diminuzione del 2,1% (-0,4% a tassi di cambio costanti), penalizzato dall’andamento debole delle vendite in Corea del Sud , mentre i negozi diretti in Cina hanno continuato a registrare un solido andamento delle vendite, pari al 2,5% nel corso dell’esercizio 2017 (+7,0% a tassi di cambio costanti). L’area Europa ha registrato una diminuzione del 3,6% (-3% a tassi di cambio costanti), mentre l’area del Nord America fa segnare una contrazione pari al 4,2% (-2,2% a tassi di cambio costanti).

Salvatore Ferragamo annuncia vendite deboli per l’impatto cambi ...