Salute, ENPAP: si rischia di tornare a lavoro più fragili dopo il Covid

(Teleborsa) – Il mondo del lavoro muove i primi passi verso la normalità, ma sono ancora tanti i nodi da sciogliere per definirla nuovamente tale nel senso a cui eravamo abituati in epoca pre-Covid. “La pandemia sta fungendo da acceleratore di processi di trasformazione economica e sociale già in atto da tempo. Il cambiamento che si prospetta sarà di lungo periodo e ritornare alla normalità non vorrà dire tornare a vecchie dinamiche: le organizzazioni saranno chiamate ad adattarsi a revisioni continue delle modalità di lavoro e, al contempo, a rivolgere una nuova attenzione alla tutela della salute, anche psicologica dei lavoratori”, sottolinea Felice Torricelli, Presidente di ENPAP, l’Ente di Previdenza degli Psicologi, impegnato da mesi in un incessante lavoro di divulgazione dell’utilità della Psicologia del Lavoro per migliorare l’efficienza delle aziende e la qualità della vita dei lavoratori, soprattutto in questo periodo di stravolgimenti continui e massivi.

“La qualità di vita e di lavoro dopo il coronavirus richiederà attenzioni particolari di cui occorre essere consapevoli”, sottolineano in coro gli Psicologi del lavoro Antonia Ballottin, Alberto Crescentini e Franco Amore, tutti e tre membri della SIPLO (Società italiana di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni) e collaboratori del Tavolo Tecnico sulla sicurezza sul Lavoro di ENPAP.

Il cambiamento nell’organizzazione del lavoro – basti pensare ad esempio allo smart working al quale abbiamo dovuto adattarci in maniera pressochè istantanea rinunciando di colpo a ogni forma di contatto con i colleghi – ha, infatti, effetti in maniera diretta e indiretta sulla salute dei lavoratori e con i cambiamenti, non sempre desiderati, il mondo del lavoro dovrà fare pesantemente i conti nei prossimi mesi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Salute, ENPAP: si rischia di tornare a lavoro più fragili dopo il Cov...