Salute delle ossa, quali costi per il SSN?

(Teleborsa) – In Italia circa 4 milioni di donne e 1 milione di uomini soffrono di osteoporosi, condizione caratterizzata da una riduzione della massa ossea e da un’alterazione della micro-architettura del tessuto scheletrico, che diventa più fragile e, quindi, più esposto a rischio di fratture spontanee o in conseguenza di traumi minimi. Diffusissima nella popolazione anziana, l’osteoporosi colpisce perlopiù le donne, soprattutto dopo la menopausa. Ma non è detto, può arrivare anche prima di questa fase della vita.

Manifestazione tipica dell’osteoporosi sono le fratture da fragilità ossea, che possono verificarsi anche in assenza di traumi o in seguito a traumi banali – spiega Maurizio Rossini, Direttore della UOC di Reumatologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e Presidente della Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS)– In Italia, ogni anno, i pronto soccorso ne vedono circa 600mila casi, ma, se consideriamo tutte le tipologie di fratture da fragilità, comprese quelle che non afferiscono agli ospedali, come molte di quelle vertebrali, se ne stimano oltre un milione l’anno. Numeri che comportano anche un importante aumento dei costi dal punto di vista sanitario e sociale, stimati in quasi 9 miliardi di euro l’anno. Cifra destinata a sfiorare i 12 miliardi l’anno di spesa nel 2030, se non interveniamo tempestivamente: infatti il progressivo invecchiamento della popolazione farà sì che questa malattia abbia una prevalenza maggiore. Questo vuol dire – prosegue Rossini – che dobbiamo impegnarci molto sul piano della prevenzione, andando ad analizzare con attenzione quelli che riconosciamo come fattori di rischio importanti per l’osteoporosi, specie in questo periodo di emergenza Covid-19 nel quale si spera di non dover ricorrere all’ospedale o a RSA in seguito a fratture da fragilità”.

C’è poi un altro aspetto, poco considerato ma centrale, evidenziato nel corso del XXIII Congresso Nazionale del Collegio Reumatologi Italiani (CReI) da Carlo Umberto Manzini, Responsabile del Centro Studi Osteoporosi, “Spesso, l’osteoporosi viene sottovalutata dai pazienti. E non va bene, perché questa condizione avanza, influendo negativamente sulle condizioni di vita di chi ne è affetto, dal punto di vista della mobilità e anche relazionale. Chi ha dimostrato una minore aderenza terapeutica al trattamento dell’osteoporosi, perché avvertito come un “di più”, sono maggiormente le persone più avanti con gli anni, perché la considerano una patologia secondaria rispetto ad altre di cui sono spesso affette, come ad esempio l’ipertensione, l’ipercolesterolemia, il diabete e i problemi alla tiroide”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Salute delle ossa, quali costi per il SSN?