Salone del Mobile 2016, Gentiloni: la classe media guarda al design italiano

(Teleborsa) – Ennesimo successo per il Salone del Mobile di Milano. La 55esima edizione dell’evento, che si svolge nel capoluogo lombardo fino a domenica, è un grande momento di business che lo scorso anno ha generato un indotto di 221 milioni di euro. Nei padiglioni di Rho più di 300.000 operatori da oltre 160 Paesi si sono dati appuntamento per conoscere da vicino le novità che gli oltre 2.400 espositori mettono in scena quest’anno. Un’offerta che coniuga qualità e tecnologia, frutto della creatività delle migliori imprese del settore, capaci di sviluppare la propria attività investendo ogni anno nell’innovazione di prodotti e soluzioni per l’abitare.

“La cultura e la filiera del design collegate sono importanti per l’Italia nel mondo. In gran parte del pianeta c’è una classe media che sta uscendo dalla povertà e guarda al design italiano come un bene al quale aspirare. Questa filiera è una carta che ci giochiamo come Italia davvero volentieri”, ha dichiarato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni al Salone Internazionale del Mobile e alla Triennale del Design di Milano. 

Il Ministro ha anche annunciato un “Italian Design Day” con eventi in tutto il mondo. Si tratterà di una giornata internazionale del Design italiano che si svolgerà dal prossimo anno in coincidenza con la prima giornata della 56/ma edizione del Salone del Mobile, e che prevedere il coinvolgimento dell’intera rete diplomatico-consolare e degli Istituti Italiani di Cultura nel mondo.

Salone del Mobile 2016, Gentiloni: la classe media guarda al design italiano
Salone del Mobile 2016, Gentiloni: la classe media guarda al design&nb...