Saldi invernali, rischio flop per restrizioni e crisi

(Teleborsa) – Stanno iniziando in questi giorni in molte regioni italiane i saldi invernali, nonostante i negozi siano penalizzati dal calendario pieno di giorni rossi o arancioni e dalle limitate capacità di spesa delle famiglie italiane colpite dalla crisi.

Dopo l’avvio teorico, visto che i negozi erano chiusi, del 2 gennaio in Basilicata, Molise e Valle d’Aosta, ieri è stato il primo giorno in cui i punti vendita hanno potuto iniziare gli sconti. Ieri hanno preso il via in Abruzzo e Calabria, oggi in Sardegna, giovedì sarà la volta di Lombardia, Piemonte, Puglia, Friuli-Venezia Giulia, Sicilia, mentre sabato 9 toccherà all’Umbria e il 12 al Lazio.

Ancora incerta la situazione in Campania, dove i saldi potrebbe essere rinviati all’11 o 12 gennaio. Il 16 inizieranno nelle Marche e nella provincia autonoma di Bolzano, mentre per la Liguria bisognerà aspettare il 29 gennaio e il 30 per Emilia-Romagna, Toscana e Veneto.

Secondo l’Ufficio Studi Confcommercio, lo shopping dei saldi interesserà anche quest’anno oltre 15 milioni di famiglie e ogni persona spenderà circa 110 euro, muovendo però in totale 4 miliardi di euro contro i 5 miliardi dell’anno scorso. Più pessimistiche le stime dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, il quale prevede che appena il 24% delle famiglie effettuerà un acquisto a saldo, approfittando delle promozioni in larga parte per recuperare regali di Natale non fatti o rinviati. Il calo delle vendite rispetto allo scorso anno dovrebbe segnare quota -18% e la spesa media per famiglia sarà di circa 147 euro.

(Foto: by fancycrave on Unsplash)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Saldi invernali, rischio flop per restrizioni e crisi