Saipem ancora sotto pressione. Si ragiona sul riassetto

Analisi intraday

Altra giornata di passione per Saipem, che soffre con un calo del 3,17%.

La controllata di Eni continua ad accusare pesantemente le speculazioni sul riassetto che ha anche il compito di deconsolidare il debito in mano alla controllante.

Secondo gli ultimi rumors, Saipem avrebbe allo studio un rifinanziamento da 4,5 miliardi e un aumento di capitale da 3,5 miliardi di euro. Una cifra, quest’ultima, superiore alle attese degli analisti.

Oggi, inoltre, Exane BNP Paribas ha confermato il giudizio “underperform” sul titolo e abbassato il prezzo obiettivo da 9 a 7,5 euro.

A livello comparativo su base settimanale, il trend di Saipem evidenzia un andamento più marcato rispetto alla trendline del FTSE MIB. Ciò dimostra la maggiore propensione all’acquisto da parte degli investitori verso la società che opera nel settore dei servizi per il settore petrolifero rispetto all’indice.

Attesa per il resto della seduta un’estensione della fase ribassista con area di supporto vista a 8,318 e successiva a 8,227. Resistenza a 8,578.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Saipem ancora sotto pressione. Si ragiona sul riassetto