Russia primo fornitore di alluminio grezzo per l’Italia: coperto un quarto del fabbisogno industriale

(Teleborsa) – Un quarto dell’alluminio primario di cui le aziende italiane hanno bisogno viene dalla Russia. Una linea di crescita in aumento di quasi 3 volte negli ultimi 10 anni e che è destinata a crescere ancora, soprattutto adesso che la Russia sta decarbonizzando la sua produzione di alluminio. È quanto è emerso dal primo forum sull’alluminio Italia Russia, la due giorni organizzata da Metef, la fiera dedicata all’alluminio, e dall’Associazione Alluminio Russa, che si è conclusa oggi e a cui hanno partecipato rappresentanti delle associazioni di categoria, tecnici, progettisti e imprenditori italiani e russi. Al centro del dibattito, il rapporto tra i due Paesi in relazione al metallo leggero, strategico per le industrie italiane.

“I rapporti commerciali con la Russia per l’Europa e in particolare per l’Italia, storicamente deficitari di alluminio grezzo (l’Europa è carente di questa materia prima per il 75% del suo fabbisogno, mentre per l’Italia siamo addirittura al 100%) – ha affermato Mario Conserva, presidente di Metef – sono strategici e lo diventeranno sempre di più nei prossimi anni dato che la Russia si sta impegnando a produrre alluminio carbon free, con l’obiettivo di raggiungere il NET 0 entro il 2050, e l’Europa ha messo in piedi il Green New Deal, un programma ambizioso che va nella stessa direzione”.

Con 500 aziende di produzione e trasformazione di alluminio che danno lavoro a 15.600 addetti per un fatturato superiore ai 9 miliardi di euro (2020) e con un consumo di 32 kg di alluminio pro capite all’anno (dati Centroal), l’Italia si presenta come un paese in cui l’industria del metallo leggero è solida e ben differenziata, – dagli imballaggi all’automotive, dall’edilizia ai trasporti – e leader in Europa nel riciclo di questo materiale. Pur essendo un paese ricco di industrie di trasformazione di alluminio, al secondo posto in UE, il nostro Paese, come anche l’Europa, è carente di alluminio primario, che si deve dunque importare.

Negli ultimi due anni (2019-20), la Russia è stata il principale esportatore in Italia (e in UE) di alluminio grezzo primario: in particolare, questa potenza dell’Est ha alimentato l’Europa con quasi il 55% della sua produzione globale di alluminio primario, vale a dire con oltre 2,2 milioni di tonnellate di materia prima indispensabile per il nostro manufatturiero a valle, coprendo da sola oltre il 20% del deficit produttivo nel vecchio continente. L’import in Italia di alluminio primario dalla Russia è stato di circa 265 mila tonnellate nel 2019, (nel 2010 erano 94mila), e di circa 175mila nel 2020. “Considerando che in Italia abbiamo un utilizzo totale nel 2020 di metallo leggero (primario e secondario) di poco superiore a 1,8 milioni e un fabbisogno di primario stimabile intorno a 1 milione di tonnellate all’anno – spiega Conserva – il primario russo va a coprire intorno a un quarto delle nostre necessità”.

Numeri che – è stato sottolineato nel Forum – dimostrano l’importanza della sinergia tra questi due paesi nel campo dell’alluminio, soprattutto dopo i grandi sviluppi che vedono la Russia leader nelle produzioni di alluminio primario ecosostenibile che punta a una bassissima o nulla impronta di carbonio.

“Le scelte di un paese come l’Italia, anche nella logica del Green New Deal, saranno sempre più orientate a far affluire metallo verde nel nostro Paese, che andrà premiato sotto tutti gli aspetti – aggiunge Conserva –. L’Europa deve cercare di agevolare con buone normative di trading e di meccanismi di compensazione sulla CO2 l’afflusso di metallo primario di alta qualità e a impronta di carbonio bassa o nulla, mentre deve togliere i dazi all’import di alluminio grezzo, una materia prima che non abbiamo e di cui le nostre industrie hanno estremamente bisogno. Solo così potremo lavorare al servizio del mercato e delle piccole e medie imprese manufatturiere”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Russia primo fornitore di alluminio grezzo per l’Italia: coperto un ...