Rosso a Wall Street

(Teleborsa) – Accentua la discesa la borsa di Wall Street dopo un avvio positivo ed un successivo deterioramento che ha visto soltanto ordini in vendita. A sostenere inizialmente gli scambi hanno contribuito le notizie di un accordo in arrivo per il commercio tra Cina e Stati Uniti. Poi la forza del dollaro ha colpito soprattutto i titoli legati all’export.

Sul fronte macroeconomico, ha deluso l’inatteso ribasso per il settore delle costruzioni negli Stati Uniti, a dicembre.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones è in calo (-1,24%) e si attesta su 25.703,92 punti; sulla stessa linea, si muove in retromarcia lo S&P-500, che scivola a 2.779,84 punti. Leggermente negativo il Nasdaq 100 (-0,51%), come l’S&P 100 (-0,7%).

Risultato negativo a Wall Street per tutti i settori dell’S&P 500. Tra i più negativi della lista dell’S&P 500, troviamo i comparti sanitario (-1,75%), finanziario (-0,98%) e energia (-0,93%).

In questa pessima giornata per la Borsa di New York, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva. Le peggiori performance si registrano su United Health, che ottiene -4,62%.

Pesante McDonald’s, che segna una discesa di ben -2,76 punti percentuali.

Seduta drammatica per Boeing, che crolla del 2,31%.

Seduta negativa per Verizon Communication, che mostra una perdita dell’1,79%.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Kraft Heinz (+2,36%), Facebook (+1,85%), Mercadolibre (+1,82%) e Mylan (+1,57%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Workday, che prosegue le contrattazioni a -5,31%.

Sensibili perdite per Illumina, in calo del 4,03%.

In apnea Xilinx, che arretra del 3,75%.

Tonfo di Tesla Motors, che mostra una caduta del 3,63%.

Rosso a Wall Street