Risparmio, per gli italiani il concetto di pianificazione è ancora lontano

Il 58% non coinvolge i figli in decisioni d'investimento. Lo dicono i risultati di una ricerca realizzata da SWG in collaborazione con CNP

(Teleborsa) Con la crisi che fa la voce grossa ormai da anni, fondamentale assicurarsi un futuro dignitoso. E se da un lato, gli italiani sono consapevoli della difficoltà di riuscire a mantenere un tenore di vita “sostenibile” in futuro, dall’altro non hanno ancora la consapevolezza necessaria per provvedere ad una pianificazione finanziaria efficiente.

Lo dicono i risultati di una ricerca realizzata da SWG in collaborazione con CNP Partners. In dettaglio, dallo studio emerge – si legge in un comunicato Cnp – che l’81% degli intervistati (con un picco dell’85% nella fascia di età 45-54 anni e dell’83% fra coloro che convivono con i loro figli) è consapevole del rischio che la pensione che ricevono o riceveranno possa non essere sufficiente a rispondere alle esigenze loro e delle loro famiglie in futuro. Il 78% del campione teme di trovarsi in difficoltà economiche senza poter contare su un aiuto concreto da parte delle istituzioni (la percentuale sale all’82% nella fascia compresa fra i 35 e i 44 anni e fra coloro che non hanno figli), mentre ben l’86% degli intervistati con figli conviventi teme di non poterli aiutare economicamente qualora ne avessero bisogno.

 I 4 PROFILI DEL RISPARMIO –  In questo contesto, gli orientamenti del campione nei confronti del risparmio sono molto diversi e consentono di identificare 4 profili di “risparmiatori”:  i little beaver o formichine, che corrispondono al 57% del totale, reagiscono all’incertezza essendo molto attenti al risparmio e considerano i prodotti d’investimento qualcosa di complesso e rischioso. Se investono lo fanno nella prospettiva primaria di proteggere il futuro salvaguardando il capitale; gli easy touch, pari al 38% del campione, sono poco propensi alla pianificazione finanziaria ed estranei al mondo degli investimenti, ritenuti troppo complessi;  i trader (17% del totale), dotati di una buona conoscenza del mondo degli investimenti finanziari, considerano invece i prodotti d’investimento il miglior modo di far fruttare e accrescere il capitale, e quindi una fonte di serenità per il futuro;  gli sparing, pari al 10% del totale, tendenzialmente giovani, ma che hanno già costituito una famiglia, sono molto attenti alla pianificazione e investono in prodotti finanziari puntando sia al rendimento che alla protezione del capitale, per garantirsi una vecchiaia serena e per poter sostenere i progetti futuri dei loro figli.
FIGLI, PARTE NON ATTIVA – Dallo studio emerge inoltre che il 58% degli investitori non coinvolge i figli – o li coinvolge in maniera marginale – nelle decisioni d’investimento. Ciò rappresenta un notevole rischio per il futuro, poiché spesso non dà loro la possibilità di sviluppare la consapevolezza dell’importanza della pianificazione finanziaria. 
Risparmio, per gli italiani il concetto di pianificazione è ancora&nb...