Risparmiatori al buio su come investire: parte la lotta all’analfabetismo finanziario

(Teleborsa) – L’Italia è un Paese di analfabeti finanziari, vale a dire che i cittadini incontrano “serie difficoltà” per prendere decisioni su come investire i risparmi. L’allarme è stato lanciato dal direttore generale di Bankitalia, Salvatore Rossi, nel corso di un seminario presso la Commissione Finanze alla camera.

Rossi, premettendo che “in Italia non stiamo messi per niente bene”, ha sollecitato un intervento di alfabetizzazione finanziaria dei cittadini, che venga ricompreso nell’ambito di una strategia nazionale e coinvolga pubblico e privato (banche, assicurazioni, promotori ecc.). “Banca d’Italia, Ivass, Consob e Covip lo stanno già facendo”, ha aggiunto, ricordando l’esempio dell’iniziativa messa in campo assieme al Miur che ha coinvolto 90 mila studenti e gli insegnanti. 

Rossi, però, ha voluto tenere distinto il problema dell’educazione finanziaria da quello di frode di massa ai danni dei risparmiatori (si pensi glia esempi Banca Etruria & Co), affermando che “in caso di frode ben congegnata non c’è educazione che tenga”.

Anche la Consob ha auspicato un’azione ad “ampio raggio”, che coinvolga anche assicurazioni e previdenza. Il vicedirettore generale della Consob, Giuseppe d’Agostino, ha confermato l’assoluta condivisione di Consob per le proposte sulla educazione finanziaria presentate dal presidente della commissione, Maurizio Bernardo (Ncd) e da Giovanni Paglia (Si).

Chiamate all’appello, le banche per mezzo dell’ABI si sono dette “pronte a collaborare”. Giovanni Sabatini, direttore ABI, ha aprlato di un “processo sistematico e continuativo, che salvaguardi l’autonomia di iniziativa dei diversi attori, come condizione essenziale per raggiungere a pieno gli obiettivi”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Risparmiatori al buio su come investire: parte la lotta all’anal...