Riflessiva l’Asia dopo le minute della Fed

(Teleborsa) – Cauta l’Asia: dalle minute della Fed è emerso che ad aprile non ci saranno cambiamenti di politica monetaria. La maggior parte dei membri del Board, infatti, sembra essere favorevole a due rialzi dei tassi nel 2016, ma non prima di giugno. Frena il dollaro mentre il prezzo del petrolio scende sul calo inaspettato delle scorte USA settimanali di ieri. 

Timido rialzo per la borsa giapponese, con l’indice Nikkei che ha guadagnato lo 0,22% a 15.749 punti, mentre il Topix è salito dello 0,39% a 1.272 punti.

Segni meno per la Cina, con Shanghai in calo dello 0,66% e Shenzhen dello 0,51%. Chiude poco sopra la parità Seul +0,13% mentre Taiwan lima lo 0,27%. Fra gli altri mercati che hanno trattato, Honk Kong sale dello 0,26%, Bangkok dello 0,09%, Singapore recupera lo 0,27%, Kuala Lumpur lo 0,21% e Jakarta lo 0,30%. Sydney avanza dello 0,35% mentre Mumbay arretra dello 0,32%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Riflessiva l’Asia dopo le minute della Fed