Richiamo di Mattarella sul caso banche: “Tutelare e valorizzare il risparmio”

(Teleborsa) – Il dilagare delle polemiche seguite allo scandalo delle quattro banche salvate dal decreto Salva-banche, ora inserito nella Legge di stabilità, ha coinvolto anche il Capo dello Stato Sergio Mattarella, che è intervenuto con toni durissimi, condannando i responsabili della frode e sollecitando una maggior tutela del risparmio.  

Cogliendo l’occasione del discorso pronunciato in occasione della tradizionale cerimonia al Quirinale per lo scambio degli auguri di fine anno, dove erano presenti le più alte cariche dello Stato, il Presidente della Repubblica ha diffidato i poteri dello stato dall’usare la Repubblica per le “convenienze del giorno per giorno”, sollecitandoli a “collaborare lealmente per il bene comune”.  

Erano presenti il Premier Matteo Renzi, i Presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, la politica al completo, ma anche il Governatore di Bankitalia Ignazio Visco, colpito più da vicino dallo scandalo, e il Commissario anticorruzione Cantone, che si occuperà degli arbitrati. 
 
Matterella, però, non si è fermato ad un vago accenno al problema, ma lo ha affrontato di petto e senza mezzi termini: “Di fronte a gravi e recenti episodi relativi ad alcune banche locali che hanno suscitato comprensibile preoccupazione – ha affermato – occorre un accertamento rigoroso e attento delle responsabilità”.

Il Capo dello stato, richiamando i principi di “trasparenza, correttezza ed etica”, ha poi sottolineato che “avere cura della Repubblica vuol dire anche tutelare e valorizzare il risparmio, elemento di forza caratteristico della nostra economia”.

Richiamo di Mattarella sul caso banche: “Tutelare e valorizzare ...