Ricerca e innovazione, l’Italia spende troppo poco e resta lontana da target 2020

(Teleborsa) – L’Italia resta ben lontana dall’UE in termini di spesa per la ricerca e l’innovazione e rischia di mancare gli obiettivi fissati per il 2020. La spesa totale per ricerca e sviluppo nel 2016 è stata di 21,6 miliardi di euro, l’1,29% del PIL (dati provvisori), diminuita dai 22,1 miliardi del consuntivo 2015, l’1,34% del PIL. Un dato che risulta ben lontano dall’1,53% del PIL previsto dal programma di ricerca Horizon 2020

Il quadro internazionale mostra che l’Italia presenta un ritardo strutturale nei confronti dei maggiori paesi europei, a cui si sommano gli effetti di un decennio di crisi. In Francia e Germania le percentuali sono ben più alte e pari rispettivamente al 2,22% ed al 2,94%.

IN Italia ha pesato soprattutto il forte calo degli stanziamenti pubblici per la ricerca, diminuiti di due miliardi tra il 2007 e il 2016. La spesa pubblica per il settore dell’istruzione universitaria è ferma allo 0,4% del PIL, al di sotto della media europea dello 0,7%.

La situazione appare leggermente migliore sul fronte della ricerca nelle imprese, che è cresciuta nell’ultimo decennio, ma rimane al livello dello 0,75% del PIL, molto inferiore all’1,5% e al 2% di Francia e Germania.  

Alcune iniziative di reazione sono in corso che però risultano ancora deboli. Per le politiche per ricerca e innovazione sono stati introdotti negli ultimi anni incentivi fiscali alle imprese per le attività di R&S, altre misure introdotte riguardano il Programma Nazionale di Ricerca 2015-2020, gli interventi sulle ‘Specializzazioni intelligenti’, il finanziamento di progetti di ricerca industriale e dei PRIN (Progetti di ricerca di interesse nazionale), i finanziamenti premiali per le università.

I problemi della ricerca e innovazione in Italia, nel contesto europeo e internazionale, saranno affrontati all’Accademia dei  Lincei il 7 febbraio prossimo nell’incontro “Ricerca e Innovazione in Italia e in Europa”, che prende spunto dal RIO country report sull’Italia promosso dal Joint Research Centre della Commissione europea che analizza ogni anno i problemi e le politiche dei Paesi della UE su ricerca e innovazione e dai lavori di approfondimento ad esso collegati.

Ricerca e innovazione, l’Italia spende troppo poco e resta lonta...