RFI, investimenti per 56 miliardi nei prossimi 10 anni

(Teleborsa) – “Abbiamo incrementato di 500 milioni in un anno la nostra capacità di impiego delle risorse che ci vengono messe a disposizione coi contratti, e intendiamo realizzare, nei prossimi 10 anni (periodo 2017-2026), investimenti per 56 miliardi di euro, quindi circa 5,6 miliardi l’anno di realizzazioni in media”. Lo ha detto Maurizio Gentile, amministratore delegato di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) durante un’audizione in commissione Lavori pubblici al Senato. 

RFI si conferma tra i principali investitore in Italia, sostenendo lo sviluppo del settore trasporti e logistica e del sistema paese.

“Con la disponibilità dei due contratti di programma (parte servizi e parte investimenti), ha spiegato Gentile, abbiamo avuto la possibilità di pianificare nel tempo importantissimi interventi per la sicurezza: all’attrezzaggio del 100 per cento della rete ferroviaria italiana, l’unica in Europa ad essere interamente coperta dai sistemi di controllo marcia treno, corrisponde l’azzeramento delle collisioni da treno sulla nostra rete”.

“Cura del ferro” per accelerare la macchina degli investimenti: 18 miliardi di euro in più per le ferrovie italiane. Per la sicurezza del sistema ferroviario in un territorio difficile; Tecnologie avanzate per gestire più traffico; Per chi viaggia ogni giorno, per i pendolari, per chi entra ed esce dalle città; Per linee passeggeri più moderne, più veloci e con più capacità; Le merci sui binari, non più su gomma lungo i Corridoi europei.

RFI, investimenti per 56 miliardi nei prossimi 10 anni